Fabio Quagliarella: Un Campione della vita

0

Essere un calciatore è un sogno. Vivere giocando a pallone, guadagnare tanti soldi facendo ciò che si ama di più al mondo. Rendere felici anche le persone a te vicine. Giocare per la squadra che hai tifato fin da bambino, la squadra della tua città, deve essere davvero la realizzazione più grande che un uomo che gioca a Calcio può raggiungere. Di storie così ce ne sono tante, da Totti a Del Piero, passando per Maldini o Zanetti. Il nome molto meno altisonante, che però non ha nulla da invidiare (in attaccamento alla maglia) a questi ultimi, è quello di Fabio Quagliarella, che nel 2010, dopo 2 buone stagioni all’Udinese, passa al Napoli, al suo Napoli.

quaglia.jpg

Quagliarella saluta Napoli

La favola però si interrompe dopo un anno, quando viene ceduto alla Juventus. E’ scandalo. I tifosi iniziano ad inneggiare al tradimento, vengono bruciate maglie, iniziano ad arrivare insulti, minacce, e la consueta bordata di fischi ogni qualvolta calchi il manto erboso del San Paolo. Fabio dopo 4 anni alla Juve, ricchi di successi (più collettivi che personali) passa prima al Torino, e poi alla Sampdoria, squadra dove gioca tutt’ora. Ma nella sua mente c’è sempre il Napoli. Nel Ottobre 2015 segna un gol proprio contro i partenopei al San Paolo, e decide di “esultare” con un segno di scuse, gesto che incrinerà i suoi rapporti col Toro e che quindi lo spingerà verso la società blu-cerchiata.

Nel Febbraio 2017, in un Post-Partita, Fabio dichiara che il suo incubo è finito, e tutti iniziano a chiedersi: “Qual è l’incubo di Quagliarella?”

La Verità

La verità è che la carriera, ma soprattutto la Vita di Fabio è stata condizionata, assillata, rovinata, resa impossibile, dal 2011 al 2016 da un “uomo”. Un soggetto che ha inviato per 5 lunghissimi anni migliaia di lettere anonime contenenti minacce di morte, accuse di pedofilia, di collaborazione con la Camorra, insulti, insomma accuse pesantissime e totalmente false. Lettere mandate anche alle società (soprattutto al Napoli) motivo per cui è stato ceduto più volte (è stato ceduto dal Napoli, non è stata sua volontà). In tutto questo Fabio e i genitori (gli unici a sapere di questa faccenda) erano completamente soggiogati da quest’uomo.

Per risolvere questa situazione si erano rivolti ad un loro amico della Polizia Postale, a cui Quagliarella consegnava regolarmente denunce firmate. Era un uomo di famiglia, di fiducia, non avrebbero mai potuto immaginare che era proprio lui il mostro. Era lui che era riuscito a chiudere un anello dentro il quale si prendeva gioco di Fabio e della famiglia, acquistando fiducia e, ovviamente, non consegnando le denunce. Dopo 5 anni di logoramento è al papà di Fabio che si accende la lampadina, e nel giro di pochi mesi la verità viene a galla: l’incubo è finito.

Il racconto

Nella loro intervista a “Le Iene” ne parlano entrambi come se avessero vinto una guerra, quella contro lo Stalking. Sono esausti e commossi, quando ripercorrono tutte le fasi di questa vicenda.

fabio-quagliarella-a-le-iene-in-lacrime-racconta-la-sua-storia.png

Sognavi che un giorno saresti diventato Capitano del Napoli e magari avresti vinto qualcosa. Avevo un sogno, me l’hanno portato via, ho lasciato qualcosa di incompiuto a Napoli.” E ancora “Ti allenavi fisicamente perché mentalmente eri da un’altra parte.” Parole e lacrime forti, che sottolineano quanto Quagliarella abbia magari sì perso qualcosa per quanto riguarda la sua carriera, ma abbia stravinto nella vita.

Qui l’intervista completa, che vi consigliamo: http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/golia-l’incubo-di-quagliarella_695837.html

Enrico Boiani

Share.

About Author

Siamo un gruppo di ragazzi universitari sparsi per l'Italia che hanno a cuore l'informazione e il pensiero critico. Il nostro obiettivo è risvegliare lo spirito critico delle persone attraverso la pubblicazione di articoli, inchieste, riflessioni personali, poesie, rubriche d'arte e di scienza, canzoni che contengano spunti critici per sviluppare dibattiti, circolazioni di idee, dialoghi costruttivi. Vogliamo offrire uno spazio senza restrizioni in cui ognuno possa esprimere la propria opinione su un tema qualsiasi. Siamo assolutamente imparziali, non ci sono schieramenti politici o ideologie preponderanti, l'unico principio a cui facciamo riferimento è il libero pensiero. Essere inconsapevoli di ciò che accade intorno a noi è una rinuncia ad avere un ruolo attivo nella società. Informazione e riflessione critica, questo è ciò che in sintesi è Sistema Critico. Seguici anche su Facebook, YouTube, Instagram e Twitter.

Leave A Reply