A cosa serve leggere?

0

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro”.

-Umberto Eco

“Se ti annoi invece di stare davanti alla televisione o al telefono prendi un bel libro e leggi.”

“Dovresti leggere di più, ti fa bene.”

Ognuno di noi, si è sentito dire frasi del genere dai propri genitori, dall’infanzia alla prima adolescenza. Alcuni poi, seguendo i consigli, i libri li aprono davvero e, inebriati dai nuovi mondi che vi trovano, diventano appassionati lettori. Per altri, invece, leggere è e rimarrà sempre un tedioso impegno, da relegare alla sfera dello studio e dell’obbligo.

La domanda è, oltre al piacere intrinseco, ci sono dei benefici che la lettura ha sulla nostra mente? 

La risposta, ovviamente, è sì.

Leggere stimola il lavoro cerebrale, e attiva le due aree deputate alla comprensione del linguaggio: quella di Broca e di Wernicke . E’ davvero interessante notare che la corteccia sensoriale e quella motoria, si attivano anche semplicemente leggendo metafore tattili o motorie (ad esempio con frasi che indicano azioni) non solo in presenza di sensazioni reali e tangibili.

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso.”
Marcel Proust

Secondo il Guardian leggere romanzi aiuta a sviluppare empatia e tolleranza, migliorando così la capacità di (soprav)vivere all’intricato sistema di relazioni sociali di oggi.  Questo perché il lettore si immedesima nelle vicende narrate, e nei comportamenti dei personaggi può ritrovare sé stesso e le persone della propria vita. Leggere è viaggiare, nel tempo, nei luoghi, nei costumi, nelle mentalità e nelle contraddizioni del mondo, sia esso reale o immaginario. Tutto ciò ci dona apertura mentale e nuove ottiche con cui valutare la vita quotidiana, contribuendo a sviluppare la metacognizione.

Effetto simile ha leggere storie ai bambini, soprattutto in età prescolare, aiutando in maniera misurabile lo sviluppo cerebrale, così importante e delicato in questa fase. L’effetto contrario ha la televisione, che intorpidisce le capacità cognitive. Inoltre, continuare a leggere anche da adulti è una delle migliori medicine per il cervello contro l’avanzare dell’età.

Ma ha gli stessi benefici leggere un libro o i posts e gli articoli sui social?

Putroppo per i millennials no, poiché numerosi studi mostrano che la lettura su schermo tende ad essere più rapida e superficiale, mentre leggere un libro permette di immergersi più profondamente nella vicenda (deep reading).

Dunque, se è vero che “chi si ferma è perduto” non smettiamo mai di leggere, di imparare e di scoprire, se non vogliamo perderci nel mare di ignoranza e di superficialità in preoccupante crescita, come dimostrano i dati sull’analfabetismo funzionale in Italia.

 

Valentina Basili

 

 

1796644_632139476834581_1608522905_n

Piazza Toschi Mosca 29- Pesaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share.

About Author

Siamo un gruppo di ragazzi universitari sparsi per l'Italia che hanno a cuore l'informazione e il pensiero critico. Il nostro obiettivo è risvegliare lo spirito critico delle persone attraverso la pubblicazione di articoli, inchieste, riflessioni personali, poesie, rubriche d'arte e di scienza, canzoni che contengano spunti critici per sviluppare dibattiti, circolazioni di idee, dialoghi costruttivi. Vogliamo offrire uno spazio senza restrizioni in cui ognuno possa esprimere la propria opinione su un tema qualsiasi. Siamo assolutamente imparziali, non ci sono schieramenti politici o ideologie preponderanti, l'unico principio a cui facciamo riferimento è il libero pensiero. Essere inconsapevoli di ciò che accade intorno a noi è una rinuncia ad avere un ruolo attivo nella società. Informazione e riflessione critica, questo è ciò che in sintesi è Sistema Critico. Seguici anche su Facebook, YouTube, Instagram e Twitter.

Leave A Reply