Chi sono gli influencer? E quanto guadagnano?

2

I brand oggi hanno bisogno di investire in forme pubblicitarie nuove, efficaci ed economiche per questo le grandi aziende si affidano agli influencer.
Si tratta di personaggi famosi, blogger, youtuber che sono diventati influencer di professione grazie ai social network e alla community che gravita attorno ad essi.
La capacità di parlare ad un pubblico vasto e soprattutto giovane con abitudini di consumo ben delineate ha convinto le aziende; è come il gioco del passaparola, compriamo qualcosa perché ce lo suggerisce un amico, qualcuno di cui ci fidiamo o la cui opinione reputiamo credibile nel campo in questione.
Dove i messaggi aziendali risultano preconfezionati e distanti, la voce degli influencer è una voce con cui è più semplice immedesimarsi.
L’influencer marketing aumenta la soddisfazione complessiva del cliente, in quanto sembra dargli l’impressione di aver accesso ad una sfera intima e familiare con il personaggio famoso in questione.
L’Economist ha provato a fare una stima del valore di un singolo post sui diversi social network.
Il social meno remunerativo è Twitter, infatti si va da un minimo di 2000 dollari per un tweet sponsorizzato postato da utenti con più di 500mila follower e 60mila per chi ne ha almeno 7 milioni.
Molto buoni sono invece i ricavi su Instagram e Snapchat, i ricavi oscillano tra i 5 mila dollari per chi ha 500mila follower e almeno 150mila dollari per chi supera i 7 milioni di follower.
Il canale più remunerativo sembra essere YouTube: qui bastano appena 500mila follower per guadagnare più di 12mila dollari con un post e ottenere oltre 300milioni se si hanno più di 7 milioni di follower.

Ma come si diventa influencer?

Chi intraprende questa particolare professione molto spesso è una persona esperta in un determinato argomento, che ha esperienza in un settore o nicchia specifica del web; ha un alto numero di utenti che lo seguono nei social media o nel blog personale.
Bisogna sicuramente essere trasparenti, coltivare le relazioni; chi è influencer deve avere voglia e pazienza di creare legami.
Instagram è sicuramente la piattaforma di lancio perfetta per diventare influencer perché è diretto e facile, è un’influenza legata soprattutto alla visibilità.
Chi studia e si appassiona in modo approfondito ad un argomento, frequenta gruppi tematici e crea relazioni con altri influencer del settore, apre un blog personale, crea e condivide contenuti di successo e partecipa ad eventi e meeting nella vita reale ha sicuramente delle buone opportunità per inserirsi a far parte di questo mondo e per dar vita a questa professione che sta emergendo sempre di più.

 

Giada Luperini

Share.

About Author

Siamo un gruppo di ragazzi universitari sparsi per l'Italia che hanno a cuore l'informazione e il pensiero critico. Il nostro obiettivo è risvegliare lo spirito critico delle persone attraverso la pubblicazione di articoli, inchieste, riflessioni personali, poesie, rubriche d'arte e di scienza, canzoni che contengano spunti critici per sviluppare dibattiti, circolazioni di idee, dialoghi costruttivi. Vogliamo offrire uno spazio senza restrizioni in cui ognuno possa esprimere la propria opinione su un tema qualsiasi. Siamo assolutamente imparziali, non ci sono schieramenti politici o ideologie preponderanti, l'unico principio a cui facciamo riferimento è il libero pensiero. Essere inconsapevoli di ciò che accade intorno a noi è una rinuncia ad avere un ruolo attivo nella società. Informazione e riflessione critica, questo è ciò che in sintesi è Sistema Critico. Seguici anche su Facebook, YouTube, Instagram e Twitter.

2 commenti

  1. Scusami ma credo di essere in parte in disaccordo su almeno un punto nel tuo articolo, ovvero quello che riguarda youtube. È vero magari che possa essere quello più remunerativo ma, oltre al fatto che non spieghi come effettivamente si guadagni con youtube, è anche, in questo periodo, la piattaforma forse più complicata per avere un guadagno, viste le recenti difficoltà che ci sono state con le grosse ditte che mettono pubblicità. So che non era il punto della questione, ma tramite un articolo del genere, uno può pensare che bastino i numeri ma non è assolutamente vero, in quanto per guadagnare con un video quest’ultimo deve per prima cosa avere una durata di, mi pare, 10 minuti per potervi inserire pubblicità; in secondo luogo, cosa ben più difficile, deve passare la prova di youtube alla monetizzazione, cioè, la piattaforma può decidere di non monetizzare il tuo video a seconda di come reputa il contenuto

    • sistemacritico on

      Guarda, non era intenzione dell’articolo sollevare la questione dell’accessibilità al guadagno. Ammetto che siano connesse, ma la discussione si muove più su un piano di influenza complessiva, ad un livello macro. Sebbene Youtube sia cambiato negli anni e non sia più la stessa “free platform” che era una volta, rimane comunque un attore di indiscussa importanza nel mondo Internet e comunicazione. Ho citato la ricerca dell’Economist per far risaltare il peso che Youtube detiene ancora, dimostrando che nonostante le limitazioni rimane il più grande Influencer.

Leave A Reply