L’arma più potente dell’uomo: la parola

2

“La parola sta all’anima come la medicina al corpo”
Così il filosofo Gorgia spiega l’importanza della parola.
Secondo lui infatti, essa ha una grande potenza ed è una “gran dominatrice”: ha il potere di corrompere la mente e di ingannare l’opinione pubblica.
Difatti, come sostiene Gorgia, sono molte le persone che sono state ingannate su alcuni argomenti ascoltando innumerevoli discorsi.

Dietro ogni espressione c’è ben oltre a delle semplici successioni di suoni.
Le parole hanno carattere multiforme: possono addolorare, incutere timore, divertire, altre avvelenano, incantano e fanno piangere… uno strumento di natura neutra che può essere usato per fini non solo buoni,ma spesso e volentieri per quelli cattivi.
La forza delle parole è tale che, per causare una profonda allegria oppure la più totale disperazione, non è necessario usarne troppe. Molte volte basta una frase che mini un’emozione o un breve paragrafo che attacchi il nostro punto più debole.

Si, perché le parole sono come il vento. A volte sono lievi e delicate come la brezza estiva, altre volte invece sono taglienti e tempestose come un uragano.
Ma non fanno subito effetto. Entrano dentro di te e rimangono. A volte fanno danni invisibili. Altre volte invece ti rendono felice e riescono a cambiarti le giornate.
Di fatto, siamo stati capaci di creare alcune delle parole più belle al mondo per parlare di quello che ci aggrada: la bellezza, l’amicizia, la solidarietà o gli incanti che ci circondano.
Cosa sarebbe l’amore senza la parola? Cosa c’è di più bello che dire alla persona amata cosa si prova per lei e farle sapere quanto è importante nella nostra vita?

È una pena che la ricchezza linguistica che abbiamo a disposizione a volte venga usata per insultare, mentire, discriminare o falsare la realtà; nessuna parola di questo pianeta meriterebbe un tale uso..
Le parole sono l’essenza stessa dell’umanità: la possibilità, non concessa ad alcun altro vivente, di costruire una comunicazione puntuale, logica, razionale con i suoi simili; l’opportunità di esercitare una riflessione e sviluppare un pensiero che abbia per oggetto sé stesso.

È un’impresa titanica far comprendere agli esseri umani di quale arma siano in possesso nella loro bocca, che possono usare per il bene o per il male, e che un giorno verrà chiesto loro a che scopo se ne siano serviti, quali danni abbiano fatto con la loro parola o che cosa abbiano invece costruito.
La responsabilità con cui esercitiamo e usiamo il potere della parola è solo nostra. Utilizzarla per creare, costruire, condividere, accarezzare o abbracciare invece di aggredire, insultare o distruggere, in fondo, è una nostra decisione. Sia praticare questo uso, sia censurarlo.

Alice Mauri

Share.

About Author

Siamo un gruppo di ragazzi universitari sparsi per l'Italia che hanno a cuore l'informazione e il pensiero critico. Il nostro obiettivo è risvegliare lo spirito critico delle persone attraverso la pubblicazione di articoli, inchieste, riflessioni personali, poesie, rubriche d'arte e di scienza, canzoni che contengano spunti critici per sviluppare dibattiti, circolazioni di idee, dialoghi costruttivi. Vogliamo offrire uno spazio senza restrizioni in cui ognuno possa esprimere la propria opinione su un tema qualsiasi. Siamo assolutamente imparziali, non ci sono schieramenti politici o ideologie preponderanti, l'unico principio a cui facciamo riferimento è il libero pensiero. Essere inconsapevoli di ciò che accade intorno a noi è una rinuncia ad avere un ruolo attivo nella società. Informazione e riflessione critica, questo è ciò che in sintesi è Sistema Critico. Seguici anche su Facebook, YouTube, Instagram e Twitter.

2 commenti

  1. Pingback: Fenomeno Youtuber: perchè sono così popolari? - Sistema Critico

  2. Pingback: L'eutanasia in Italia: un tabù da abbattere - Sistema Critico

Leave A Reply