Il Governo Giallo-Rosso incassa la fiducia della Camera in un clima rovente. Ecco il programma.

0

Le ultime due settimane hanno visto una svolta epocale per quanto riguarda la politica Italiana.

L’ormai “ex” Vice Presidente e Ministro degli Interni Salvini ha rotto l’alleanza di governo, sfiduciando il Premier Giuseppe Conte.

La risposta in parlamento di Salvini è stata molto confusa, In quanto, si suppone, essere stato preso alla sprovvista dal discorso del Premier Conte.

 Questa è stata la prima sconfitta del leader della Lega che fino a quel momento sembrava in termini politici, imbattibile.

D’altra parte il Movimento 5 Stelle non è stato di certo a guardare ed ha instaurato un’alleanza con uno dei nemici storici del Movimento: il Partito Democratico di Nicola Zingaretti, dando vita al cosiddetto “Conte Bis”.

Il termine “Bis” non sembra molto adeguato visto che una delle due forze di maggioranza è opposta a quella precedente, sarebbe più corretto definire questo governo come “Conte 2.0” oppure “Conte seconda versione”.

La cosa più importante che cambia rispetto all’esecutivo precedente sono i temi, dopo alcuni giorni di tensione, le due forze di governo hanno trovato un accordo stipulando un programma condiviso anche se in alcuni punti molto generico.

Ok Infrastrutture, basta trivelle

Nel suo discorso il Premier Conte annuncia una legge per fermare il rilascio di nuove concessioni di trivellazione per l’estrazione di idrocarburi.

Sul fronte più ampio delle infrastrutture, indica la necessità di ravvivare la dinamica degli investimenti e parla di Green New Deal.

Decreti sicurezza

Il Governo Giallo-Rosso rivedrà i decreti sicurezza tanto voluti dall’ex titolare del Viminale, Matteo Salvini.

Verranno riformate anche la Giustizia civile, penale e tributaria.

Da rivedere anche l’Iter elettivo dei membri del CSM (Consiglio superiore della magistratura).

Stipendi dei prof rivisti a rialzo

Un obbiettivo preposto dal Governo Giallo-Rosso è quello del totale azzeramento delle rette degli asili nido, con un aumento dei posti disponibili soprattutto al Sud.

Nel programma anche il miglioramento della didattica nelle classi e stipendi più sostanziosi per i professori.

Disco verde al salario minimo

Confermato lo stop all’Iva, il governo vuole ridurre il cuneo fiscale e punta a introdurre anche il salario minimo.

Il nodo come sempre sono i fondi.

Il Premier ha indicato come priorità quella che tutti debbano pagare le tasse in modo tale che tutti abbiano la possibilità di pagare di meno.

Parità di genere nelle buste paga

Un obbiettivo primario è quello d’introdurre una legge sulla parità di genere nelle retribuzioni.

Inoltre il governo punterà a una più completa integrazione delle donne nella nostra comunità nell’ambito sociale e lavorativo.

Bene l’autonomia ma tutelare il Sud

Si all’autonomia differenziata, ma senza “aggravare il divario fra Nord e Sud” è la prescrizione di Conte.

L’obbiettivo dell’esecutivo è di azzerare il gap attraverso l’istituzione di una banca pubblica per gli investimenti, attenta all’ esigenze in particolare del Mezzogiorno.

Parlamento Light

Il Governo ha assicurato che inserirà nel primo calendario utile della Camera un disegno di legge costituzionale per la riduzione del numero degli eletti.

Ma si tratta di un passo da affiancare alla riforma elettorale.

Il Premier ha affermato inoltre di voler dare più spazio alle formazioni politiche minori.

Acqua pubblica e legge in arrivo

Conte auspica che il Parlamento approvi in tempi brevi una legge sull’acqua pubblica dicendo che “la tutela dei beni comuni è un valore essenziale”

Sanità

Il nuovo ministro Speranza (LEU) ha annunciato l’abolizione dei Super Ticket che secondo lui non sono in linea con le tematiche del governo, perché aumentano le disuguaglianze sociali.

Per eliminare i Super Ticket il costo complessivo sarà di circa 600 Milioni di Euro.

Il nuovo ministro della Sanità Roberto Speranza

Il punto cardine della riforma sarà l’assunzione di circa 44 mila Medici e Infermieri per un costo di circa 1,5 Miliardi di Euro.

I fondi?

Il Ministro Speranza ha precisato che una parte del costo sarà pagato da una stangata fiscale su Banche, assicurazioni e fondi d’investimento.

Tutto questo si tradurrà nei fatti, in una batosta per i cittadini sui quali verosimilmente si riverseranno i maggiori prelievi tributari chiesti a istituti di credito e compagnie.

Ultima Chance per 5 Stelle e Partito Democratico

Il Nuovo Governo ha un solo obbiettivo, quello di non sbagliare.

 Deve cercare di toccare tematiche legate alla quotidianità dei cittadini per recuperare qualche consenso e per cercare di ricucire il rapporto con l’Europa.  

Mattia Furiazzi

Share.

About Author

Mattia Furiazzi, marchigiano, classe 1998. Studente di Scienze Politiche presso l'Univeristà di Urbino. Amo scrivere di Politica ed Economia. Sono un chitarrista e un tifoso della Juventus.

Leave A Reply