La dittatura del Politically correct

0

La normalizzazione del fenomeno

Quello di accostare il sostantivo dittatura ad un fenomeno o atteggiamento è ormai diventato un tic verbale, un habitué da cui fuggire è arduo. Questa nuova vague di iperattività verbale ha travolto anche il Politically Correct. Si tratta dell’ennesimo e palese prestito anglofono figlio dell’urgenza di un vocabolario orfano di pregiudizi e discriminazioni. Cosi, un’espressione “ politicamente corretta” – sì, si può dire anche in italiano- diventa paladina della giustizia e della neutralità.


Neutralità non neutrale

Ma come si può pretendere di neutralizzare il linguaggio? La tesi freudiana – che considera il nevrotico un individuo sofferente poiché costretto dai vincoli della società a reprimere le sue pulsioni- fa al caso nostro.

Infatti, così come il nevrotico soffoca il suo vero io, il soggetto x, pervaso dal dogma del politicamente corretto, soffoca le sue vere tendenze linguistiche.

Dunque, x si ritrova:

  • 1) gettato nel baratro del conformismo linguistico
  • 2) manipolato da una “ setta” di paladini del perbenismo
  • 3) con spinte ad un’aggressività verbale maggiori
  • 4) in uno stato di guerra ideologica con l’altro.

La lingua del solipsismo antipolitico


Basta spostare lo sguardo oltreoceano, nei safe spaces delle università americane, maisons di quella sinistra identitaria chiusa a qualsiasi genere di dibattito. “ In quanto y io penso così”. Cosa c’è di più politically correct di questa locuzione propria di una New Left decaduta. Politically correct , sì, e antidemocratica. Ed è proprio questo l’incubo; quello di scadere in una lingua anti pluralista – in parte siamo già stretti nella sua morsa- In quanto y io(x) penso cosi, X ha il diritto di pensarla in un certo qual modo solo in qualità di y? Supponiamo x non fosse y ma z: verrebbe bollato a priori ?
È come trovarsi in un coro di solisti. Non c’è comunicazione, non c’è pluralismo, solo una valanga di regimi dittatoriali attorniati da presunti nemici.


Una gerarchia pervasiva

Non si tratta quindi di semplice conformismo linguistico ma di una vera e propria verticalizzazione della lingua. Come una dittatura considera legittimo un solo partito, il Politically Correct degenerato -quello odierno- avalla un solo set linguistico ripudiando gli altri. Orwell ci insegna che più una lingua è restrittiva meno il pensiero è libero. Premettendo che la battuta è l’unità di misura di un articolo di giornale, immaginiamo una sfera: la lunghezza del suo raggio è direttamente proporzionale al numero di battute. Orwell: quello di 1984? Sì. Il setting di 1984 è un mondo distopico e speculare a regimi totalitari.

Digressione storica

Spostiamo infatti le lancette dell’orologio alle, non so, 8 del giorno 27 ottobre 1922. Inizia la Marcia su Roma, portale d’accesso all’Italiana fascista, l’Italia mussoliniana. E dov’è il link con il Politically Correct? Beh, gli anni di Mussolini furono un vero e proprio Purgatorio Linguistico. Quella dell’italianizzazione è stata però soprattutto un’azione politica del fascismo storico.

Il potere della propaganda

Il linguaggio come mezzo politico

Senza analizzare l’edificio linguistico dei fascisti mi limito ad una considerazione: la lingua è uno strumento del potere e con potere intendo anche quello politico. Pensare il Politically Correct come un atteggiamento sociale è alquanto riduttivo. La società civile è uno strumento della lingua tanto quanto questa è un mezzo di penetrazione della politica nella società civile stessa.

La mente umana: un ingranaggio da sfruttare

Share.

About Author

Chiara Anastasi

Sono Chiara, classe 2001. Studentessa del liceo LInguistico di Pesaro. Amo le parole, la filosofia...l'arte. La mia vena politica e il mio spirito critico non sono sempre ben visti...

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.