lunedì, 17 Giugno 2024

Uno sguardo femminista alla storia: Elisabetta I e Maria, regina di Scozia

Oggi che il femminismo è più forte che mai è interessante vedere che ci sono sempre state donne potenti che hanno difeso ciò che il “girl power” rappresenta anche oggi. Elisabetta I e Maria, regina di Scozia sono ottimi esempi. Vediamo come hanno lottato per mantenere il potere in un mondo dominato dagli uomini.

Maria fu incoronata quando aveva appena sei giorni. Tuttavia, per sicurezza, crebbe alla corte francese e, lì, la giovane regina si innamorò della vita. Adorava la danza, la gente, le attività all’aria aperta, amava la poesia e parlava anche molte lingue. Si può solo immaginare quanto fredda e lontana fosse per lei la Scozia quando, rimasta vedova a diciotto anni, dovette tornare. Non era affatto pronta ad affrontare il periodo turbolento delle fazioni religiose e dei nobili che non la conoscevano né la apprezzavano.

Sul lato un po’ più caldo dell’isola, abbiamo Elisabetta Tudor, che passò quasi direttamente dalla prigione al trono d’Inghilterra. Probabilmente la donna più istruita dell’epoca, eccelleva nella retorica, nella diplomazia e nella contrattazione. Elisabetta fu una sovrana estremamente accorta. Sapeva manipolare gli stereotipi femminili, apparendo indecisa per evitare questioni che in quel momento non poteva affrontare.

La regina Elisabetta nel giorno della sua incoronazione. (copia dell’originale del 1559, andato perduto)

Maria e la rivendicazione del trono inglese

Dopo aver sposato il re Francesco II, lui e Maria furono proclamati re e regina di Francia, Scozia e Inghilterra. Nipote della sorella di Enrico VIII e devota cattolica, Maria era vista da molti come la legittima erede al trono inglese invece della bastarda Elisabetta. Ciò diede ad Elizabeth una valida ragione per diffidare di lei. Tuttavia, questa fu l’impresa di re Enrico II di Francia, che voleva conquistare l’Inghilterra attraverso Maria. A sedici anni non avrebbe potuto prevedere come questo atto le avrebbe solo fatto del male più avanti nella vita. 
Quando Francis morì, ancora giovane, Mary tornò in Scozia e iniziò la ricerca del prossimo marito.

Quel marito era Lord Darnley, un cattolico che aveva pretese al trono inglese: Maria fece infuriare sia Elisabetta che la sua nazione, prevalentemente protestante. Sebbene concepirono un erede maschio, la coppia era tutt’altro che felice. Darnley fu presto assassinato e tutte le dita furono puntate nientemeno che sul presunto amante, nonché futuro marito di Mary, Lord Bothwell. Anche se non ne possiamo essere sicuri, è probabile che questo terzo matrimonio sia stato imposto alla donna, poiché molti storici sostengono che potrebbe averla violentata. Ciò che è certo è che ciò portò alla rivolta e la regina fu costretta ad abdicare. Alla promessa di sostegno di Elisabetta per riconquistare il trono scozzese, Maria fuggì in Inghilterra: un errore fatale come avrebbe presto appreso.

Ritratto ufficiale di Maria di Scozia, di autore sconosciuto

La prigionia in Inghilterra

Invece delle braccia aperte di Elisabetta, Maria venne accolta con la prigionia, che durò fino alla fine dei suoi giorni. La “scusa” di Elisabetta era che non poteva aiutare una regina accusata di omicidio. Ma Mary non si arrese e continuò a scrivere a sua cugina, a inviare doni e a chiedere aiuto. Sfortunatamente, le forze contro la regina inglese sfruttarono la situazione e continuarono a complottare per rovesciarla. Uno specifico tentativo di omicidio portò direttamente al coinvolgimento di Mary, che fu la causa per cui Elisabetta firmò finalmente il suo mandato di esecuzione. Mary dichiarò la sua innocenza fino alla fine e, da sempre donna di stile, decise che la sua morte sarebbe stata ricordata a lungo.

Maria ed Elisabetta

La regina di Scozia, vestita di rosso sotto l’abito, si assicurò di essere considerata una martire. Fredda, calma e raccolta, faceva persino battute ai suoi carnefici. Ci vollero tre colpi per decapitarla, motivo in più per cui la sua morte fu un evento davvero simbolico e terrificante. Alcuni sostengono che Elisabetta non si sia mai rassegnata a questa decisione e che sia stata sempre perseguitata dal fantasma di Maria.

Le due regine mantenevano una regolare corrispondenza tramite lettere che ci danno un’idea di cosa provassero l’una verso l’altra, di come entrambe cercassero di raggiungere accordi e spesso si attaccassero con parole taglienti. Maria cercava sempre di organizzare un incontro, ma Elisabetta lo evitava. In una delle sue lettere, Elisabetta scherza addirittura dicendo che nei loro regni non sarebbe arrivata felicità più grande di quella “se uno di noi fosse stato re e avesse sposato l’altro”. Purtroppo, le dure circostanze dell’epoca e le persone influenti che le circondavano le tenevano non solo separate, ma anche in una rivalità senza fine.

In molti modi, la storia della relazione di queste regine è senza tempo. Le due potenti donne furono inchiodate l’una contro l’altra fin dalla nascita. Erano costantemente esaminate dai loro nobili e consiglieri maschi e dovevano guadagnarsi e mantenere la loro fiducia e il loro sostegno. Erano entrambe in anticipo sui tempi, guerriere intelligenti e feroci, combattendo anche quando tutte le carte erano contro di loro.

Graziana Minardo
Graziana Minardohttps://violedimarzo.com/
Graziana Minardo, siciliana trapiantata a Milano. Studentessa di Chimica e Tecnologie Farmaceutiche all’Università degli Studi. Amante delle scienze, attivista e appassionata di scrittura. Co-Founder di Viole di Marzo, blog e associazione femminile di interesse medico e culturale che unisce sul territorio milanese decine di professioniste e donne di talento. Per Sistema Critico scrivo di femminismo.

Latest articles

Consent Management Platform by Real Cookie Banner